Pranzi veloci e sempre di corsa. Sguardo sul cellulare e mille interruzioni per delle chiamate “urgenti”.

I dipendenti di un’azienda li riconosci subito quando mangiano al tuo ristorante, li potresti inquadrare anche senza i loro abiti formali o semi-formali.

Nel momento in cui un’azienda ti sceglie come punto di riferimento per il pranzo, sarà sicuramente capitato di dover lasciare conti aperti per i dipendenti che poi dovranno essere saldati dal referente di turno. E ti sarà anche capitato di dover ripetere più volte le “regole” a te imposte dall’alto: che tipo di menu è possibile scegliere, quali pietanze sono incluse e quali no, dentro quale budget devono stare…

Non sarebbe tutto molto più semplice se, una volta impostati i criteri stabiliti, ci pensasse il software del ristorante alle convenzioni aziendali?

Sarebbe sicuramente un ottimo guadagno in termini di tempo se la gestione dei limiti di consumazione, del credito cliente, della fatturazione, che sia singola o a fine mese, fossero automatizzate e gestite in modo sempre preciso e puntuale, liberandoti di un pensiero non indifferente.

E se fosse possibile definire anche un prezzo fisso e un numero di pranzi possibili?

E magari anche poter differenziare le convenzioni e i pasti possibili per singolo dipendente in base a criteri fissi a ciascuno associati?

Sarebbe un sogno!

Alcune aziende forniscono però ai dipendenti buoni pasto aziendali da spendere dove meglio credono. In questo caso risulterebbe inutile una semplice gestione delle convenzioni, si ricadrebbe su problematiche differenti per arrivare allo stesso risultato: difficoltà nella gestione della pausa pranzo.

Ma esistono programmi per la ristorazione che ti consentono di fare l’una e l’altra cosa.

Alcuni programmi gestionali per ristoranti hanno infatti la possibilità di connettersi in tempo reale a service provider per instradare i differenti flussi dei buoni verso le società che emettono ticket restaurant.

Il software verificherà quindi in automatico e in completa autonomia con la semplice lettura del codice del buono, elettronico o cartaceo che sia, l’importo e la validità del ticket stesso, per renderlo poi inutilizzabile per altri pasti.

Inoltre potrà capire automaticamente se il buono pasto è falso, rubato e/o scaduto, e lo rifiuterà senza bisogno di ulteriori controlli da parte dell’utente di turno.

La gestione della pausa pranzo risulterà in questo modo molto più semplice e fluida.

Un esempio? EASYPOS®, che ti permette tutto questo e molto altro.

Vuoi provare per credere? Vai sul nostro sito e prova la demo!

Leave a Comment